Un poliziotto di North Charleston, in South Carolina, è stato arrestato e accusato di omicidio per aver ucciso un 50enne afroamericano in fuga, sparandogli alle spalle. Il New York Times ha pubblicato un filmato che mostra il fermo in auto della vittima, Walter Scott, per un fanalino rotto nella parte posteriore della vettura. Dopo un breve confronto con l’agente, Michael Slager, l’afroamericano è fuggito. È stato allora che l’agente, 33 anni, ha puntato la pistola e ha sparato otto colpi alle spalle dell’uomo

Le immagini mostrano il poliziotto che si avvicina al corpo di Scott e lo ammanetta, si allontana verso il punto in cui aveva aperto il fuoco e torna vicino alla vittima posandovi accanto un oggetto. L’agente ha affermato davanti agli investigatori, in sua difesa, che Scott gli avrebbe sottratto il taser e di avergli sparato perché temeva per la sua incolumità. Il poliziotto potrebbe essere condannato a 30 anni di detenzione o alla pena di morte. L’incriminazione per omicidio è per ora stata confermata dal sindaco di North Cahrleston, Keith Summey: “Se prendi una decisione sbagliata non mi interessa se sei dietro lo scudo o sei semplicemente un cittadino in strada, devi subire le conseguenze di questa decisione”.

L’episodio riporta in primo piano l’attenzione sull’operato della polizia americana nei confronti di cittadini afroamericani. Le polemiche e le tensioni non si placano, dopo mesi di proteste seguite al caso di Ferguson, dove lo scorso agosto l’agente Darren Wilson sparò contro il 18enne nero Michael Brown uccidendolo. Le autorità federali – e il dipartimento di Giustiza – hanno deciso di non procedere contro Wilson “non essendo presenti prove inconfutabili delle mani alzate della vittima nel momento in cui l’agente ha aperto il fuoco contro di lui”. Su questo episodio si era espresso lo stesso presidente degli Stati Uniti, condannando l’atteggiamento discriminatorio delle forze dell’ordine nei confronti degli afroamericani.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Cina, storia di Zhou Qunfei: da operaia a donna più ricca della Repubblica popolare

prev
Articolo Successivo

Front National, Marine Le Pen ferma suo padre alle regionali. “Rottura definitiva”

next