Il consigliere regionale di Forza Italia, Galeazzo Bignami, è stato aggredito vicino a un campo nomadi sul fiume Reno, a Casalecchio di Reno (Bologna). Bignami, che era in compagnia di un’altra persona, è stato visto fare foto ed un uomo l’ha prima inseguito in auto, ha tagliato la strada e quando è sceso lo ha colpito al volto con un pugno. Bignami ha spiegato di essere andato a denunciare l’episodio ai carabinieri per poi farsi medicare per una ferita al labbro. “La cosa buffa – ha commentato – è che stavolta non ero andato a monitorare un campo nomadi, ma alcune baracche contenenti cani lungo il Reno. Avevo visto dei cassonetti per la raccolta differenziata con dentro dei neon e ho scattato una fotografia dall’auto. Quell’uomo mi ha inseguito, tagliato la strada e poi mi ha colpito”. Bignami ha avuto una prognosi di 4 giorni.

Poche ore dopo l’aggressore è stato individuato e denunciato per lesioni. Si tratta di un 38enne, italiano, residente nel campo. Non è la prima volta che il consigliere Bignami subisce un’aggressione: il 19 febbraio 2013, infatti, era stato malmenato da un uomo, che lo ha aggredito ad un banchetto elettorale in centro a Bologna.

Bignami ha ricevuto la solidarietà del presidente della Regione Emilia Romagna Stefano Bonaccini: “Ho telefonato al consigliere Galeazzo Bignami per sincerarmi delle sue condizioni, dopo l’aggressione che ha subito poche ore fa. Gli ho espresso la mia piena solidarietà e mi auguro si faccia piena luce sulla vicenda, identificando gli aggressori” ha dichiarato Bonaccini. Messaggio analogo dal ministro dell’Ambiente Gian Luca Galletti: “La violenza e l’intolleranza sono contrari alla cultura della nostra città e non possono trovare in noi alcuna giustificazione e comprensione”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Bologna, suicidio dopo inchiesta su furto, polemica sul pm: ‘Negato diritto a difesa’

next
Articolo Successivo

Copra volley Piacenza, la società chiede soldi alla Guinea Equatoriale per salvarsi

next