Un Parlamento codardo, ma una società pronta ad una legge sull’eutanasia. E’ così che al convegno sul fine vita in Senato Emma Bonino descrive il quadro italiano in tema di diritti civili. “In Francia si è arrivati ad un compromesso, io guardo più all’Olanda e alla Svizzera, ma almeno discutono apertamente, qui i politici di ogni schieramento sono responsabili dello stallo, non è colpa soltanto dell’Ncd“, afferma Mina Welby dell’associazione Luca Coscioni. “Da un anno e mezzo è ferma la nostra legge di iniziativa popolare sul fine vita, mai stata calendarizzata, oggi con un documento firmato da 40 parlamentari chiediamo alla politica di affrontare il tema – spiega Marco Cappato dei Radicali italiani – e avvieremo un’azione di disobbedienza civile fino a quando non verrà rotto il silenzio, aiuteremo i malati attraverso il sito soseutanasia.it a morire all’estero, in esilio, violando la legge”. “L’Italia non è un paese laico, non si discute sul merito ma per contrapposizioni ideologiche, questo è il grave problema del nostro Paese” spiega senza mezzi termini la sottosegretaria ai Beni culturali Ilaria Borletti Buitoni, firmataria del documento. “Non c’è solo Giovanardi in Parlamento, vale la pena affrontare qualche fibrillazione nella maggioranza per dare una risposta ai cittadini, non solo non ci occupiamo di fine vita, ma nemmeno dei diritti durante la vita”, afferma Pippo Civati. “C’è lo zampino della Chiesa? Io per adesso vedo lo zampone dei parlamentari, le gravi responsabilità della politica” chiosa Emma Bonino  di Irene Buscemi

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Disabili: addio alla nostra Kangoo ‘Carolina’ e alla libertà di mia figlia

next
Articolo Successivo

Disabilità: un aiuto per non discriminare chi è inabile alla guida

next