Si è spento oggi a 88 anni il giornalista e politico imolese Gustavo Selva. Ex corrispondente Rai da Bruxelles, Vienna e Bonn è morto a seguito di una malattia nella casa di Terni, dove viveva da alcuni anni con la seconda moglie. Lascia tre figli, uno era morto nel 2008, e quattro nipoti.

L’ex direttore del Giornale radio di Radio 2, veniva chiamato”Selva la Belva” per via della sua capacità di “azzannare alla radio i comunisti”. Deputato democristiano al Parlamento europeo nel 1979 e nel 1984, fu eletto alla Camera nel 1996 e nel 2001 e al Senato nel 2006 con Alleanza nazionale.

Nato a Imola nel 1926, Selva inizia la sua carriera all’Avvenire d’Italia, divenendo giornalista parlamentare negli anni ’50. Entrato in Rai, è prima corrispondente all’estero e poi, dal 1975 al 1981, direttore del giornale Radio2, prima di diventare a metà degli anni ’80 direttore de “Il Gazzettino”. Inizia la carriera politica come parlamentare europeo per la Democrazia Cristiana. Poi è deputato e senatore per An. I funerali si terranno a Roma, ma non è ancora stata decisa la data.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

La Repubblica tradita

di Giovanni Valentini 12€ Acquista
Articolo Precedente

Domenico Petruzzelli ucciso a 3 anni con la mamma a Taranto: preso il mandante

next
Articolo Successivo

Oppido Mamertina, riprendono le processioni ma senza gli inchini ai boss

next