E’ una caduta di stile con pochi precedenti nella storia della televisione quella nella quale è “inciampata” Striscia la notizia – la popolare trasmissione di inchiesta e satira prodotta e trasmessa da Canale 5 – rivelando il nome del vincitore di Masterchef, il popolare talent show per cuochi in erba, prodotto e trasmesso da Sky.

E’ vero che, in fondo, si parla “solo” di un gioco, di una trasmissione televisiva di intrattenimento e di una manciata di cuochi che duellano in cucina per aggiudicarsi un titolo ma è altrettanto vero che ogni puntata di Masterchef è un affare da centinaia di migliaia di euro, investitori pubblicitari e contratti.

E l’ultima puntata, quella della finale, in onda domani ha, per il pubblico, per gli sponsor e, naturalmente, per la produzione e per l’emittente televisiva un valore economico straordinariamente rilevante. Sapere in anticipo chi uscirà vincitore dalla cucina televisiva di Sky potrebbe disincentivare decine di migliaia di spettatori dal seguire il programma e produrre danni a tanti zeri alla Tv di Rupert Murdoch.

La scelta di Striscia la Notizia di rivelare in anticipo il nome del vincitore è una scelta che non trova nessuna giustificazione nel diritto di cronaca o nella libertà di informazione che, anzi, per questa strada, finiscono con l’essere sviliti e piegati a strumento di concorrenza sleale, a mezzo attraverso il quale, le televisioni dell’ex Cavaliere, fanno un antipatico sgambetto al concorrente Sky, provando – saranno gli spettatori domani a dire se con successo o meno – a provocargli un danno, eliminando ogni suspence sull’esito di un programma che, per quanto ben costruito, si regge su una dimensione di contest e di gara nell’ambito della quale sapere chi vince e chi perde è parte della motivazione del pubblico a seguirlo fino in fondo.

Si è trattato di un atto di concorrenza sleale bello e buono, una condotta quasi da manuale, la rivelazione di una informazione che il concorrente sceglie – per ovvie ragioni di marketing e mercato – di mantenere segreta e che, invece, si decide deliberatamente di rivelare senza, peraltro, che vi fosse alcun reale interesse per il pubblico.

Non si è trattato della denuncia di una truffa, di un imbroglio televisivo o di un concorso a premi truccato ma solo della scelta – obiettivamente scorretta sotto ogni profilo la si riguardi – di un concorrente di ledere i diritti e gli interessi di un altro concorrente.

 

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

L’Unità, intesa con Veneziani: riassorbirà 25 giornalisti. E il Pd ne pagherà cinque

next
Articolo Successivo

Grillo, dalla rete alla Tv?

next