Giuseppe Cimarosa, 32 anni, nipote di Matteo Messina Denaro, è ospite a Servizio Pubblico per parlare del suo ripudio verso il parente mafioso e della sua voglia di riscatto. “Sono un parente di un mafioso – ha detto giorni fa, intervenendo alla Leopolda 2, la manifestazione dei renziani siciliani organizzata a Palermo dal sottosegretario Davide Faraone – che ha deciso di scagliarsi contro i mafiosi. Mia madre è cugina di primo grado di Matteo Messina Denaro e mio padre è stato arrestato nell’ambito dell’operazione Eden. (..) Bisogna avere il coraggio del cambiamento (..) Dico ai giovani che proprio le persone come me devono dare un taglio. Chi sa cosa significa il nero e il marcio che c’è in questo fenomeno deve dare un contributo. E questo è il contributo che voglio dare”.
Giuseppe, con il suo intervento, ha ripudiato il parente mafioso. Ma il mondo a cui lui si è rivolto cosa sta facendo concretamente per cambiare le cose? Per rottamare la corruzione e la criminalità e andare verso un mondo nuovo?

Tra gli ospiti, lo scrittore Roberto Saviano, Davide Faraone, deputato del Pd, lo scrittore Aldo Busi, il magistrato Roberto Scarpinato, l’avvocato Umberto Ambrosoli e Isabella Conti, sindaco Pd di San Lazzaro, in Emilia Romagna.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Servizio Pubblico, Dragoni: “Le mosse di Berlusconi: da RaiWay a Telecom”

prev
Articolo Successivo

Servizio Pubblico, Santoro: “Maramao perché sei morto?”

next