Fernando Alonso subito dopo l’incidente parlava in italiano e credeva di guidare una Ferrari”. Il quotidiano tedesco Bild riporta nuove indiscrezioni su quanto successo il 22 febbraio al circuito catalano del Montmelò. Rivelazioni che raccontano particolari inediti circa le condizioni del pilota asturiano subito dopo l’impatto. Alonso, secondo il giornale teutonico, era in stato confusionale e parlava ai soccorritori in italiano. Inoltre la prima guida della McLaren era convinto di trovarsi su una Ferrari. L’amnesia sarebbe durata anche dopo il ricovero in ospedale. Questa ricostruzione è arrivata all’indomani della conferma che il pilota spagnolo salterà la prima gara del mondiale 2015 a Melbourne.

Sull’incidente, la scuderia ha dato versioni diverse. Inizialmente la McLaren ha sostenuto che l’incidente era stato causato dal vento e dal contatto con l’erba sintetica. Poi, in un comunicato successivo, ha ammesso che a causa di un forte impatto contro le barriere interne del circuito, il pilota spagnolo ha riportato una forte commozione cerebrale, che lo ha costretto a tre giorni di ospedale. La doppia versione fornita dalla casa di Ron Dennis alimenta ancora di più le varie tesi sulle condizioni di Alonso dopo “lo strano incidente” (come lo ha definito il collega Vettel) di Montmelò. L’ex pilota Fabrizio Barbazza, citando una fonte certa (“un uccellino libero”), ha supposto: ”Fernando ha preso una sberla da 600wt con conseguenze gravi. Solo che dire queste verità in F1 – ha aggiunto – non si può”.

 

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

F1, Alonso non correrà il Gp Melbourne. Barbazza: “Presa scossa da 600 watt”

next
Articolo Successivo

Formula 1 2015 al via: Mercedes favorita, speranza Ferrari. L’unica certezza è la crisi

next