Quanti soldi hanno cercato di movimentare i Ligresti dopo la deflagrazione dell’inchiesta nell’estate del 2013? Secondo la Guardia di finanza di Torino oltre 16 milioni e 700mila euro. Le Fiamme Gialle di Torino hanno segnalato, dopo oltre un anno di accertamenti, al ministero dell’Economia e delle Finanze una fiduciaria di Milano per “operazioni sospette compiute dalla famiglia Ligresti”.

Gli investigatori del Nucleo polizia tributaria ha analizzato i trasferimenti di denaro compiuti dai Ligresti verso conti correnti bancari di Lugano, scoprendo che le transazioni non erano state comunicate. Alla fine di gennaio 2014 è stato intercettato il tentativo dei Ligresti di trasferire in Svizzera (sui conti della lussemburghese Limbo Invest Sa) un capitale, schermato dalla fiduciaria milanese. È stato quindi individuato il trasferimento di 2,5 milioni di euro, tra titoli e disponibilità finanziarie.

L’autorità giudiziaria di Torino aveva quindi disposto un sequestro conservativo, dovuto al rischio di sottrazione di beni alla giustizia e per evitare la dispersione delle garanzie creditizie di somme e spese dovute all’Erario. Nel corso delle indagini è emerso che durante la latitanza di Gioachino Paolo Ligresti, la fiduciaria milanese aveva ordinato a un istituto di credito – dove si trovavano depositi e titoli – di eseguire altri movimenti su azioni Unipol – Sai, fiduciariamente intestate a Limbo Invest Sa, Canoe Securities Sa e Hike Securities Sa, società lussemburghesi direttamente riconducibili agli indagati.

Gli ordini, disposti tra il 24 ed il 30 gennaio 2014 da Gioacchino Paolo, Giulia Maria e Jonella Ligresti, consistevano, nel liquidare l’intero pacchetto azionario depositato in Italia e trasferire i fondi così ottenuti – per 14 milioni di euro totali – su conti correnti elvetici, fiduciariamente intestati alle società lussemburghesi. Gli accertamenti antiriciclaggio hanno messo in evidenza numerose operazioni che, nonostante le indagini in corso, non sono mai state verificate e valutate nel loro complesso dalla fiduciaria, che non ha nemmeno comunicato alla Banca d’Italia che i Ligresti stavano per trasferire molto denaro all’estero.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Fallimenti, nel 2014 chiuse 15mila aziende. Da 2008 persi 1 milione di posti

next
Articolo Successivo

Aeroporti, in arrivo il piano nazionale: 38 coinvolti. Torino strategico “con riserva”

next