“Abbiamo molta paura, perché nessuno fa niente”. Riuniti alla Bit, la Borsa internazionale del turismo a Rho Fiera (Milano), albergatori, tour operator e imprenditori della ristorazione, commentano così il momento di difficoltà che sta attraversando il settore. I numeri del 2014 parlano di 11mila aziende del comparto andate perse in Italia (dati Confesercenti), con un leggero aumento delle presenze negli hotel (+1,1%) ma un calo di fatturati e occupazione. “Renzi fa solo chiacchiere, non ha fatto un terzo di quello che aveva promesso”, si lamenta un albergatore. E c’è chi sottolinea altre criticità: “Il ministero del Turismo in Italia è senza portafoglio. Come possiamo pensare di fare un’industria senza un portafoglio con cui investire?” di Stefano De Agostini

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Uber e i conservatori violenti

prev
Articolo Successivo

Uber e l’innovazione nel mercato del lavoro: il futuro a tutele decrescenti

next