“Abbiamo molta paura, perché nessuno fa niente”. Riuniti alla Bit, la Borsa internazionale del turismo a Rho Fiera (Milano), albergatori, tour operator e imprenditori della ristorazione, commentano così il momento di difficoltà che sta attraversando il settore. I numeri del 2014 parlano di 11mila aziende del comparto andate perse in Italia (dati Confesercenti), con un leggero aumento delle presenze negli hotel (+1,1%) ma un calo di fatturati e occupazione. “Renzi fa solo chiacchiere, non ha fatto un terzo di quello che aveva promesso”, si lamenta un albergatore. E c’è chi sottolinea altre criticità: “Il ministero del Turismo in Italia è senza portafoglio. Come possiamo pensare di fare un’industria senza un portafoglio con cui investire?” di Stefano De Agostini

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Uber e i conservatori violenti

next
Articolo Successivo

Uber e l’innovazione nel mercato del lavoro: il futuro a tutele decrescenti

next