La Costa d’Avorio si aggiudica per la seconda volta la Coppa d’Africa. Come nel ’92, gli “elefanti” hanno superato in finale il Ghana. Anche stavolta il match si è deciso ai calci di rigore, che hanno premiato , con un 9 a 8, la squadra allenata dal francese Harvé Renard dopo una gara noiosa, conclusasi a reti inviolate dopo i tempi supplementari. Lo spettacolo della partita, disputata a Bata, la capitale della Guinea equatoriale, è iniziato proprio dopo il 120simo minuto. Dagli undici metri è successo di tutto: dopo due rigori sbagliati a testa (per il Ghana anche da parte del sampdoriano Afriyie Acquah), le squadre sono andate a oltranza e il penalty decisivo è stato messo a segno dal 35enne Boubacar Berry, che di mestiere fa il portiere. La posta in palio era altissima per un trofeo, molto sentito nel continente nero, che il ct Renard ha già alzato tre anni fa quando guidava lo Zambia (unico caso di un allenatore che vince la Coppa d’Africa con due nazionali diverse). La tensione durante i rigori è aumentata a tal punto che la stella degli ivoriani, il romanista Gervinho, si è rifiutato di assistere dando le spalle a quanto accadeva dal dischetto. Poi la gioia finale, insieme al suo nuovo compagno di club, Doumbia, che era entrato in campo nel secondo tempo. Per i ghanesi, allenati dall’ex tecnico del Chelsea Avraham Grant, la delusione è stata cocente. Con due pali e una prestazione tutto sommato superiore, il “Brasile d’Africa” avrebbe probabilmente meritato la vittoria, ma la lotteria dei calci di rigore spesso non premia la squadra che ha giocato meglio.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Conte, i club lo accontentano a metà sui calendari. Il ct potrebbe lasciare

next
Articolo Successivo

Egitto, la politica dietro i morti di calcio: ruolo degli ultras nelle ‘piazze’ del mondo

next