“Un Presidente, c’è solo un Presidente”. Alcune decine di giovani scatenati – e mascherati – si sono radunati di fronte al Quirinale in un flash mob per sostenere la candidatura al Colle di Giancarlo Magalli. Dopo il trionfo nel sondaggio del Fatto.it, è arrivata l’investitura della piazza. Nonostante la pioggia battente, il conduttore non si è negato e ha partecipato col sorriso: “Questi voti arrivano dai giovani, è un voto di dissenso. Vogliono dire: ‘mettiamo la faccia di Magalli, ma per togliere le facce degli altri”. Sul voto “vero”, Magalli converge con il Pd su Mattarella: “E’ un bel nome. Secondo me ce la farà prima della quarta chiama. Sarebbe una prova di debolezza di Berlusconi e soprattutto una prova di forza di Renzi. A me piacerebbe anche Veltroni”. E Berlusconi farebbe mai votare Forza Italia per Magalli? Il conduttore è scettico: “Non credo. Anche perché io non voterei per lui. Non ho mai pensato di lavorare per Mediaset e comunque gli ho già mandato la Carfagna, il mio contributo l’ho dato”  di Tommaso Rodano

Sfoglia storify

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Quirinale, sit-in Forconi: ‘Parlamento illegittimo’. Taverna: ‘Protestate, ma noi qui per cambiare’

prev
Articolo Successivo

Quirinale, il voto di Napolitano fra applausi dell’Aula e dei fischi dei M5S

next