Alle Quirinarie del Fatto Quotidiano ha raccolto oltre 22mila voti, piazzandosi al primo posto. E Giancarlo Magalli risulta essere anche sulle lavagne internazionali delle scommesse sul prossimo Presidente della Repubblica: secondo Agipronews è offerto a 100 volte la posta. Per i bookmakers il conduttore de I Fatti Vostri è a pari merito con Roberto Benigni e la giornalista di Report, Milena Gabanelli, che, secondo i quotisti esteri hanno più possibilità di salire al Colle di Silvio Berlusconi e Beppe Grillo (entrambi a 150).

Si scommette anche sull’elezione dello scrittore Umberto Eco, a 22 davanti al fondatore di Emergency Gino Strada (a 25) e al conduttore Giovanni Minoli (a 30). L’ex presidente della Ferrari – ora al timone di AlitaliaLuca Cordero di Montezemolo vale 35 volte la posta, con il direttore d’orchestra Riccardo Muti e il premio Nobel Dario Fo a 50. A quota 75 il fotografo Oliviero Toscani e lo scienziato Antonino Zichichi.

In cima alla lavagna resiste a 4 Romano Prodi, “candidato” al Quirinale da Civati, leader di una delle minoranze del Pd. Secondo posto a 5,50 per l’ex ministro della Difesa Antonio Martino, sostenuto dai moderati di centrodestra, mentre Giuliano Amato si gioca a 6,00 insieme alla presidente della Commissione Affari costituzionali del Senato, Anna Finocchiaro, e al ministro della Difesa, Roberta Pinotti.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Loro Tsipras, noi Amato. E i grillini da Nazareno

prev
Articolo Successivo

Elezione Presidente della Repubblica, i giorni della verità

next