Investigatori al lavoro per trovare il pirata della strada che sabato pomeriggio, a Bologna, ha investito e ucciso un uomo di 81 anni, Sergio Cristoni, che stava attraversando sulle strisce pedonali in via Andrea Costa. La polizia municipale ha in mano una lettera e due numeri di targa, annotati da un testimone, e l’analisi delle telecamere piazzate sulle strade della periferia del capoluogo, che avrebbero ripreso la vettura in fuga. Si tratta di un modello non recente di Ford Fiesta grigio scuro.

L’indagine seguita dal pm Domenico Ambrosino è per omicidio colposo e fuga con omissione di soccorso. Secondo le testimonianze raccolte il colpevole è un italiano: le persone presenti lo hanno visto scendere dall’auto e gridare quando si è reso conto di aver travolto l’anziano. Poi l’uomo ha preso a calci un cartellone pubblicitario e, per coprire la targa, ha sollevato il portellone posteriore della Fiesta. Accortosi che un testimone stava per scattare una foto con il cellulare, è subito ripartito sgommando in direzione periferia. Le telecamere nella zona di via della Barca hanno immortalato la Fiesta in fuga con il bagagliaio aperto. Cristoni è stato subito soccorso dal 118 e trasferito d’urgenza all’ospedale Maggiore, ma è deceduto per le gravi ferite riportate.

“E’ solo questione di tempo, ma verrà preso. Si presenti alle forze dell’ordine: almeno così mostrerebbe un minimo di rispetto per la vittima, cosa non accaduta al momento dei fatti”, ha detto il procuratore aggiunto Valter Giovannini, portavoce della Procura di Bologna.

 

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Parma, raccolta differenziata al 70 per cento. Ma in centro topi e immondizia

next
Articolo Successivo

Bologna, cortile di Palazzo d’Accursio costato 300mila euro e già invaso da topi

next