Da mercoledì 14 gennaio il nuovo numero di Charlie Hebdo, il primo dopo la strage in redazione del 7 gennaio, è in tutte le edicole italiane in allegato a il Fatto Quotidiano. In questo speciale vi abbiamo spiegato i perché della scelta e abbiamo provato a sondare le reazioni della comunità musulmana italiana. Ne abbiamo parlato con Peter Gomez (direttore del fattoquotidiano.it), Stefano Citati (responsabile della redazione esteri del Fatto Quotidiano), Vauro Senesi (vignettista del nostro giornale), Davide Piccardo (coordinatore delle Associazioni islamiche di Milano) e in collegamento telefonico Izzedin Elzir (presidente dell’Unione delle comunità islamiche italiane e imam di Firenze)

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Charlie Hebdo in edicola col Fatto, i lettori di Milano: “La satira deve essere tutelata”

next
Articolo Successivo

Charlie Hebdo, perché sì

next