Da mercoledì 14 gennaio il nuovo numero di Charlie Hebdo, il primo dopo la strage in redazione del 7 gennaio, è in tutte le edicole italiane in allegato a il Fatto Quotidiano. In questo speciale vi abbiamo spiegato i perché della scelta e abbiamo provato a sondare le reazioni della comunità musulmana italiana. Ne abbiamo parlato con Peter Gomez (direttore del fattoquotidiano.it), Stefano Citati (responsabile della redazione esteri del Fatto Quotidiano), Vauro Senesi (vignettista del nostro giornale), Davide Piccardo (coordinatore delle Associazioni islamiche di Milano) e in collegamento telefonico Izzedin Elzir (presidente dell’Unione delle comunità islamiche italiane e imam di Firenze)

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Charlie Hebdo in edicola col Fatto, i lettori di Milano: “La satira deve essere tutelata”

prev
Articolo Successivo

Charlie Hebdo, perché sì

next