Ancora minacce alla stampa francese. Questa volta è stato il settimanale Le Canard Enchainé a finire nel mirino degli estremisti. “Adesso tocca a voi!”, questo il messaggio ricevuto dalla redazione del periodico, fondato nel 1915, proprio all’indomani dell’attentato alla redazione di Charlie Hebdo, nel quale sono state uccise 12 persone. A rivelarlo sono stati gli stessi giornalisti di Le Canard Enchainé che, comunque, hanno deciso di non interrompere la pubblicazione in programma per mercoledì. La rivista è una delle più antiche di tutto il Paese ed una delle più popolari, nonostante il tono esclusivamente umoristico.

Le autorità francesi e di altri Paesi europei hanno intensificato i controlli dei luoghi sensibili e dei possibili obiettivi di attentati terroristici. Tra questi ci sono anche le redazioni dei giornali che hanno manifestato la loro vicinanza o hanno sposato la causa di Charlie Hebdo. Pattuglie della polizia hanno vigilato davanti alle redazioni dei giornali francesi, tedeschi e, in Inghilterra, davanti all’edificio che ospita i giornalisti del Guardian.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Charlie Hebdo: a Parigi io non c’ero

next
Articolo Successivo

Marò, la Corte suprema indiana concede un permesso di tre mesi a Latorre

next