Sconosciuti si sono introdotti nella sede del giornale tedesco Hamburger Morgenposte e, raggiunta la stanza dell’archivio, hanno appiccato il fuoco. A riportarlo è lo stesso giornale tedesco sul proprio sito, anche se non è ancora chiaro se ci sia una connessione tra l’incendio e gli attentati di Parigi.

La polizia tedesca ha individuato e arrestato i due presunti responsabili e il primo obiettivo delle forze dell’ordine, ora, è quello di capire le motivazioni del gesto ed eventuali connessioni con i fatti di Charlie Hebdo. Il quotidiano di Amburgo aveva pubblicato, nei giorni scorsi, le vignette del settimanale satirico parigino, che raffigurano il profeta Maometto, per manifestare la propria vicinanza alle famiglie dei giornalisti e dei vignettisti uccisi e al resto della redazione.

Dopo gli attentati di Parigi, massima allerta anche in Germania. Lo stesso giorno in cui il commando islamista ha fatto irruzione nella sede del settimanale satirico, le autorità tedesche hanno subito rafforzato i controlli nei pressi delle sedi dei giornali considerati maggiormente esposti ad attacchi da parte dei terroristi. Stessa decisione è stata presa anche dalle autorità di altri Paesi europei, come Spagna e Inghilterra, dove la sede del Guardian è stata messa sotto la sorveglianza di una pattuglia fissa fuori dall’edificio.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Panama City, tra prostituzione e corruzione: la dolce vita

next
Articolo Successivo

Nigeria, due bambine kamikaze nel mercato di Potiskum: almeno tre morti

next