Rapinata, legata a una sedia e colpita al volto da tre uomini incappucciati. È successo a una donna di 60 anni nei pressi di Sant’Antonio di Gallura, in provincia di Olbia Tempio. I tre hanno fatto irruzione nel primo pomeriggio nella sua villa, a San Giacomo, probabilmente utilizzando una scusa per farsi aprire il cancello dalla proprietaria, che poi se li è trovati davanti. Dopo averla immobilizzata, legandole mani e piedi, i rapinatori hanno rovistato tutta la casa, alla ricerca di soldi o gioielli. Non trovando nulla, uno di loro l’ha colpita con un pugno in faccia, causandole degli ematomi.

I tre sono riusciti ad aprire la rastrelliera delle armi e a portar via due fucili da caccia, di proprietà del marito della donna che a quell’ora non si trovava a casa. Sul posto sono intervenuti gli agenti del Commissariato di Polizia di Tempio Pausania, che ora sono alla ricerca dei tre malviventi.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Venezia, Tar annulla stop a grandi navi. Ministero Trasporti: “Facciamo appello”

prev
Articolo Successivo

Charlie Hebdo, Vidino: “Killer in contatto con jihad. Problema non sono gli sbarchi”

next