Le dette così tante botte da fratturarle la mandibola e un’orbita, spappolarle la milza e provocarle un ematoma alla cervello. Era il 4 febbraio e quella giovane donna è rimasta in coma fino a pochi giorni fa. Oggi Maurizio Falcioni è stato condannato a 20 anni, con rito abbreviato, per il tentato omicidio e per i maltrattamenti contro Chiara Insidioso Monda, 19 anni.

La pena è stata decisa dal gup di Roma che ha accolto la richiesta del pm Elena Neri. Pochi giorni fa la ragazza, che si trovava ricoverata all’ospedale San Camillo, si è risvegliata. Poco dopo il ricovero in ospedale i medici erano intervenuti d’urgenza per riassorbire l’ematoma al cervello. Poi, superata l’emergenza, la vittima era stata sottoposta ad altre due operazioni: una al cervello e l’altra per ricostruire la teca cranica.

Chiara era stata picchiata dal suo ex fidanzato, un muratore 35enne romano con precedenti per droga, perché accusata di avere un amante: “Hai un altro, dimmelo”, le aveva gridato l’uomo. Poi le botte. Ferite e traumi che, avevano spiegato i medici che l’avevano soccorsa, “si vedono solo negli incidenti stradali più gravi“. Chiara, che all’epoca aveva solo 19 anni, era andata a vivere con il fidanzato in uno scantinato di Ostia. La ragazza, diplomata all’Istituto alberghiero, aveva un piccolo deficit mentale e il padre ha sempre pensato che l’uomo, di 16 anni più grande di lei, l’avesse circuita: “Ho tentato tante volte di allontanarla da lui – aveva dichiarato dopo il pestaggio – ma non ci sono riuscito”.

La sentenza è stata accolta da un lungo applauso da parte dei parenti e amici di Chiara presenti in aula. Il gup Giacomo Ebner ha riconosciuto l’aggravante della continuazione nel reato di tentato omicidio e maltrattamenti. Il giudice ha anche disposto nei confronti dell’imputato l’interdizione legale per tutta la durata della pena e quella in perpetuo dai pubblici uffici.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Expo 2015, senza gara a Oscar Farinetti l’osteria più grande del mondo

next
Articolo Successivo

Valentina Scampini, trovata morta in un bosco l’hostess di 28 anni scomparsa

next