Compiere alcuni movimenti degli arti, semplicemente pensandoli. Questo è quello che può fare da oggi Leslie Baugh, un uomo che più di quarant’anni fa è stato vittima di un tragico incidente elettrico che lo ha portato a dover subire l’amputazione di entrambe le braccia. Ed ora è tornato a poter effettuare alcune azioni che gli sono state impossibili per decenni. Questo grazie alle protesi robotiche realizzate e installate da un team di ricercatori del John Hopkins University Applied Physics Laboratory. Le protesi sono connesse direttamente al sistema nervoso, tramite il tessuto all’altezza delle spalle. È il primo esperimento di questo tipo a livello mondiale: mai prima d’ora era stato portato avanti un progetto simile su persone che hanno perso entrambe le braccia

Commenti - Non perdere ogni mattina gli editoriali e i commenti delle firme Fatto Quotidiano.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

E-book: niente Iva al 4%, l’Europa minaccia procedure di infrazione per i Paesi ribelli

next
Articolo Successivo

Apple, report della BBC: “Bullismo e condizioni disumane in Cina e Indonesia”

next