Si erano rifiutate di diventare le spose di jihadisti e per questo sono state giustiziate e gettate in una fossa comune. Sono state uccise così 150 donne che i militanti dell’Isis volevano in spose, alcune delle quali incinte, ma che si sono rifiutate di passare il resto della loro vita al fianco dei fondamentalisti. A dare la notizia è il ministero per i Diritti umani di Baghdad, citato da Al Arabiya.

Dal ministero spiegano che altre famiglie in tutta la zona sono state minacciate di morte dai miliziani fedeli all’autoproclamato califfo, Abu Bakr al-Baghdadi, e sono state costrette a fuggire dalle loro case: “Molte famiglie – dicono – sono state obbligate a migrare dalla città di al-Wafa dopo che centinaia di residenti hanno ricevuto minacce di morte“. Lo Stato Islamico sta continuando a guadagnare terreno nella provincia, espandendo il loro controllo verso ovest, e tutte le città che toccano entrano sotto il loro controllo e rispondono alle loro leggi, per questo in tutta l’area si assiste spesso a migrazioni di massa dalle città.

Intanto, i peshmerga sono riusciti a respingere l’assedio del monte Sinjar, nel nord dell’Iraq, da parte dei miliziani del califfato. Nella città si trovavano intrappolate centinaia di famiglie della minoranza degli Yazidi, perseguitati dallo Stato Islamico. A dare la notizia è stato il figlio del presidente del Kurdistan iracheno Massoud Barzani, Masrour, che è a capo del consiglio di sicurezza.

Le esecuzioni, inoltre, sono molto frequenti nelle città controllate dallo Stato islamico. Un mese fa, 50 uomini, donne e bambini sono stati fucilati. In altre zone controllate dal califfato vengono eseguite anche decapitazioni pubbliche di massa contro oppositori o “miscredenti”. Queste persone vengono spesso convertiti con la forza, ridotte in schiavitù e costrette (le donne) a sposarsi con i jihadisti.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Nigeria, miliziani Boko Haram attaccano villaggio nel nord: 32 morti, 185 rapiti

next
Articolo Successivo

Israele, il 2015 sarà un anno cruciale

next