Rai 3 ha trasmesso sabato 13 dicembre la ricostruzione della “Clinica degli orrori” che racconta della sanità malata alla Clinica Santa Rita di Milano.

Intercettazioni originali, documentazioni, interrogazioni, lunghi minuti che raccontano di patologie, di ricoveri, di pazienti-clienti. Molte parolacce intercettate che evidenziano una pessima considerazione degli esseri umani scritti, inventati, dimessi e riammessi in reparti che dovrebbero curare e che invece fanno ammalare fino alla morte.

Brega Massone, l’”Arsenio Lupin della chirurgia” come ha scritto su un sms, ha cercato di bloccare la messa in onda della puntata senza riuscirci. La mia lotta per una sanità sana inizia nel 2003 ma proprio lo scandalo Santa Rita ha dato nuova linfa per porre #ilpazientealcentro.

Mi sono sentito anch’io un “infiltrato” nella sanità malata per cercare di imporre un metodo di controllo sulle prestazioni sanitarie che si basasse sui pazienti e non sulle cartelle cliniche.

Ho scritto diversi post sulla vicenda Santa Rita che ha cambiato nome con abile operazione di marketing con Clinica Città di Milano.
Solo la percezione del controllo riduce il rischio di abuso di prestazioni sanitarie non necessarie o addirittura peggiorative del bene del paziente.

“Cancella tutte le cose compromettenti dai computer” dice Brega Massone ad una sua collaboratrice. Sono sempre più convinto, come scrissi molto tempo fa che tali controlli sui pazienti associati alla gestione dei dati sanitari in mano ai pazienti con History Health possano ridurre il rischio di abuso della professione medica usata solo per guadagno lontano anni luce dall’articolo 32 della Costituzione Italiana.

“Trovare un medico disposto a controllare un altro medico è difficile”. Poniamo il cittadino-paziente al centro del mondo della sanità e la salute vincerà.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

La legge del dare ai figli

prev
Articolo Successivo

Mafia Capitale: non c’è peggior ‘Cecato’ di chi non vuol guardare

next