Livorno, una delle città “più in crisi d’Italia” si è fermata: al corteo dello sciopero generale cittadino di 3 ore indetto da Cgil, Cisl e Uil per chiedere sviluppo e occupazione hanno infatti aderito migliaia di lavoratori (“oltre 6mila” sostengono i sindacati). La “fame” di lavoro aumenta (“in poco tempo persi 20mila posti” dicono dalla Regione) così come la voglia di mobilitazione: soltanto lo scorso 15 novembre il “Coordinamento lavoratori e lavoratrici livornesi” aveva organizzato un corteo a cui poi hanno partecipato in 3mila. Lo scontento di una parte dei lavoratori si è scatenata al termine della manifestazione quando a prender la parola dal palco allestito in piazza del Luogo Pio è stato il presidente della Regione Enrico Rossi. Fischi, urla e inviti espliciti a andarsene: “Non saranno le vostre grida a farmi scendere – ha gridato Rossi – dovrete rimuovermi con la forza”. Il discorso del presidente, durato circa una ventina di minuti, è stato spesso interrotto dal rumore assordante di trombette da stadio: “Quando una fabbrica è in crisi la Regione c’è sempre stata – ha rivendicato con forza Rossi – e continuerà a farlo”. Secondo alcuni sindacalisti i “contestatori” apparterrebbero in realtà a “frange politiche estremiste”.

I tre sindacati nei giorni scorsi erano stati accusati di aver strumentalizzato l’iniziativa a fini politici. Unicobas, Usb e Coordinamento dei lavoratori livornesi hanno puntato il dito contro la piattaforma rivendicativa a sostegno dello sciopero, piattaforma – viene sottolineato polemicamente – che ha incassato il sostegno anche di Confindustria, Lega Coop e Spedimar. Critiche rispedite al mittente: “Nessuna strumentalizzazione. E poi oltre alla protesta servono le proposte” ha controbattuto il segretario provinciale Cgil Maurizio Strazzullo. “Il nostro palco era aperto al contributo di tutti – aggiunge – non ho però visto alcun esponente dell’amministrazione grillina”. Il riferimento è al sindaco di Livorno Filippo Nogarin che però era impegnato a Roma per la vertenza Trw ma sul palco non c’era nemmeno nessuno degli assessori della giunta M5s. Lo stesso Rossi ha punzecchiato: “Io ci sono, ci sto mettendo la faccia. Altri no”.

Nogarin replicherà su facebook: “Nella campagna elettorale permanente che viviamo, quello che doveva essere (e non è stato) uno sciopero generale cittadino diviene invece una ghiotta occasione per fare propaganda elettorale”. E aggiunge: “Oggi Rossi è stato fischiato e non trova niente di meglio che tirarmi in ballo quando io oggi stesso sono in viaggio per Roma per partecipare all’ennesimo tavolo per Trw presso il Mise”.

Non è però colpa soprattutto di Pd, Ds e Pds – per decenni alla guida della città – se Livorno si trova coinvolta in questa grave crisi? “La questione non può esser ridotta in questi termini – ha risposto a margine del corteo l’assessore regionale al lavoro Gianfranco Simoncini – Livorno si è sviluppata soprattutto grazie alle partecipazioni statali e alla componentistica: i problemi nascono perchè non possiamo più contare esclusivamente su questi settori”. Alla manifestazione hanno partecipato sia lavoratori del settore privato che di quello pubblico ma anche pensionati: “Adesione massiccia” secondo il segretario provinciale della Cgil Funzione Pubblica Giovanni Golino sottolineando ad esempio la partecipazione di dipendenti di Comune, Provincia, Aamps (rifiuti), Camera di commercio e Agenzia delle entrate. Presente anche una delegazione di sindacalisti provenienti da Carrara e Pisa.

La Cgil: “Renzi ascolti questi lavoratori: serve un accordo di programma incentrato sul porto”

Durante il passaggio del corteo molte saracinesche dei negozi si sono abbassate in segno di solidarietà. Sul palco hanno preso la parola i lavoratori della raffineria Eni (“l’azienda prenda impegni e ci garantisca un futuro” dichiara Andrea Meoni), degli operatori ecologici della Cooplat (“Nogarin rispetti gli impegni presi” attacca Lara Braccini), del call center PeopleCare (“siamo in 360 e a maggio rischiamo di perdere il posto” spiega Tamara Garbuglia), Trw (“la multinazionale ci sta rubando il futuro” accusa Alessandro Meini) e Mtm (“da 850 siamo rimasti in 108 e ora lo stabilimento è chiuso” ricorda Veronica Mancini). Nel mirino di alcuni operai soprattutto il premier Matteo Renzi: “Ormai va a braccetto con Marchionne”. La manifestazione si è conclusa con l’intervento (anche a nome di Cisl e Uil) del segretario regionale Cgil Alessio Gramolati: “Renzi ascolti questi lavoratori. Serve un accordo di programma incentrato sul porto”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Diritto al lavoro, una società non violenta non può non garantirlo

prev
Articolo Successivo

UnipolSai esce dall’Ania. Sindacati: “Mina vagante, segue la linea Marchionne”

next