Il viaggio de ilfattoquotidiano.it nel mondo delle start up continua a Milano e passa da Mox-off. Si tratta di un’azienda particolare, al suo quarto anno di vita (ormai al limite per godere dello status di start up), è una giovane, ma solida impresa nata da una costola del dipartimento di matematica del Politecnico di Milano (che partecipa alla compagine societaria). L’impresa, che oggi impiega 20 persone e finanzia una borsa di dottorato all’università, è la prima realtà matematica italiana a mettere in sinergia il mondo della ricerca con quello imprenditoriale, dando attuazione concreta al trasferimento di conoscenza, mettendo a disposizione delle imprese metodologie matematiche, strumenti di analisi statistica, algoritmi e software all’avanguardia per lo sviluppo di modelli per il calcolo scientifico. “Una delle esperienze più recenti ha visto Mox-off al fianco della Nazionale italiana di pallavolo – ha spiegato Ottavio Crivaro, uno dei fondatori dell’azienda -, applicando allo sport una metodologia di ricerca sviluppata per il campo della riabilitazione medica”. Attraverso modelli matematici i ricercatori di Mox-Off hanno analizzato i gesti atletici di ciascun giocatore: “Così siamo arrivati ad individuare quale momento o quale azione il singolo atleta deve migliorare per ottimizzare un dato gesto atletico”  di Alessandro Madron

 

Il Fatto Economico - Una selezione dei migliori articoli del Financial Times tradotti in italiano insieme al nostro inserto economico.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Privatizzazioni? Senza impegno…

next
Articolo Successivo

Renzi vs sindacati: lo scontro è solo uno spot per i mercati

next