“Livorno non si piega”, gridano i lavoratori Trw che questa mattina partendo dallo stabilimento livornese hanno  percorso in corteo la statale Aurelia (che è rimasta chiusa al traffico per alcune ore) fino ad arrivare davanti alla base militare americana di Camp Darby. “Abbiamo scelto questo luogo, perché rappresenta il Paese della multinazionale”, spiega Alessandro Meini della Rsu Trw. In contemporanea alla manifestazione dei lavoratori, a Roma era in corso un incontro al Mise dove i manager americani della multinazionale non si sono presentati. Non solo, l’incontro al ministero di oggi non ha prodotto il risultato sperato dagli operai ed è stato indetto un nuovo tavolo ministeriale per il 25 novembre. La protesta dei 450 lavoratori Trw è in corso dal 17 ottobre scorso, ovvero da quando la multinazionale ha reso nota l’intenzione di chiudere lo stabilimento livornese per spostare la linea di  produzione a Pamplona  di Emilia Trevisani

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Trattativa Ast, fumata nera. Un operaio: “Renzi? Non lo voto più”

next
Articolo Successivo

Roma, reintegrati gli autisti sospesi dopo intervista a Presa Diretta

next