L’inchiesta sulla Sopaf dei finanzieri Magnoni arriva a un primo step giudiziario. Per Giorgio e Luca Magnoni, padre e figlio a capo della società, è stato chiesto il giudizio immediato da parte del pm di Milano Gaetano Ruta. A sei mesi dagli arresti del 9 maggio per associazione a delinquere finalizzata alla bancarotta fraudolenta, truffa, appropriazione indebita e frode fiscale dovrà essere il gip Donatella Buonamici a decidere se ci sarà subito il processo. Le indagini del Nucleo di polizia valutaria della Guardia di Finanza avevano accertato una distrazione circa 80 milioni di euro dal patrimonio della Sopaf, società in regime di concordato preventivo.

Nella richiesta di arresto la Procura di Milano sosteneva che i Magnoni avessero utilizzato Sopaf come una sorta di bancomat prelevando indebitamente almeno 79 milioni di euro. Senza contare il frutto illecito delle operazioni finanziarie perpetrate a danno della Cassa dei ragionieri (Cnpr), dell’Istituto nazionale previdenza giornalisti (Inpgi) e della Cassa dei medici, Enpam. E proprio quest’ultimo filone ha portato a nuovi sviluppi con l’arresto di Paolo Saltarelli, ex presidente della Cnpr, per corruzione e con l’iscrizione nel registro degli indagati di Andrea Camporese, attuale presidente dell’Inpgi. 

Il Fatto Economico - Una selezione dei migliori articoli del Financial Times tradotti in italiano insieme al nostro inserto economico.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Troppe responsabilità: top manager sempre più riluttanti a entrare nei cda

next
Articolo Successivo

Legge Stabilità, per evitare flop su vendita caserme governo cambia norme

next