Anonymous torna a colpire e il 16 novembre manda in black out il sito della Lega Nord, diffondendo dati e conversazione privati dei simpatizzanti a dimostrazione dell'”ideologia razzista” che si anniderebbe all’interno del partito. Lo scopo dichiarato del gruppo hacker è di portare il “massimo intralcio” all’attività del partito. “La bassezza degli slogan razzisti espressa nelle email che i simpatizzanti leghisti inviano al loro gerarca preferito (SalviniMaroni) esprime a pieno il degrado subumano che si incarna nel Carroccio”, scrivono online gli hacker, che invitano tutti a scaricare i dati diffusi dal gruppo per “sottoporre la cricca leghista a un’operazione di doverosa, e sicuramente non gradita investigazione”.

“E’ necessario – proseguono nel comunicato diffuso insieme ai link per scaricare i file -, mettere un freno a una deriva razzista alimentata da gruppi come la Lega Nord che, negli anni passati, ha causato incendi e sgomberi di campi nomadi (Sinti e Rom), costituendo quella che a tutti gli effetti è stata una vera e propria pulizia etnica“. E quello di Salvini, continuano, è un partito che ha “intensificato anche i rapporti con il gruppo fascista di Casa Pound, responsabile dell’uccisione di due senegalesi, nel 2011, a Firenze“.

Nei giorni scorsi gli hacker informatici hanno però attaccato anche altre pagine web. Il 15 novembre, infatti, il sito della Procura di Torino è stato messo fuori uso per manifestare solidarietà verso i tre attivisti No Tav feriti e per i quali i pm hanno chiesto nove anni di carcere. Tre giorni prima, invece, le spie hanno rubato dei dati dal sito del sindacato di polizia (Sap), diffondendo informazioni personali e conversazioni private fra gli iscritti. Il motivo: un atto di solidarietà verso la famiglia di Stefano Cucchi, la quale, sostiene Anonymous, è stata umiliata da una sentenza ingiusta e dalle dichiarazioni del sindacato. E gli hacker continuano a colpire anche all’estero: nei giorni scorsi sono stati attaccati il sito del Dipartimento di Stato Americano e l’account twitter del Ku Klux Klan.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Case popolari, 2 indagate per blitz anti-Pd. A Milano nuovi scontri: otto feriti

next
Articolo Successivo

Papa: “No a modello unico di coppia. Ma bimbi hanno diritto a papà e mamma”

next