Facebook sta lavorando ad un nuovo social network dedicato alla carriera e al lavoro, che farà concorrenza a LinkedIn. I due account personale e professionale però resteranno ben separati, promettono dal quartiere generale di Londra dove stanno testando le nuove funzioni. Il nuovo sito web potrebbe consentire agli utenti di chattare con i colleghi, collegarsi ai propri contatti di lavoro e collaborare sui documenti proprio come si fa con Google Drive e Microsoft.

Facebook at work – L’esistenza di ‘Facebook at Work’ è stata riportata dal Financial Times in cui emergono anche alcuni primi dettagli. Alcuni ingegneri da Londra usano già una versione test di’Facebook at Work’ internamente. Sarà prima prevista l’estensione ad alcune società esterne, dopodiché potrebbe arrivare il lancio vero e proprio.

Il tema della privacy – Per diventare parte integrante della vita d’ufficio, Facebook dovrà conquistare però la fiducia di aziende e organizzazioni, che si aspettano di essere in grado di condurre conversazioni riservate senza cadere nelle mani dei concorrenti e soprattutto dei governi (vedi caso Snowden).

Più tempo sul sito, più introiti pubblicitari – Con questa mossa il social network potrebbe aumentare il tempo di permanenza sul sito (40 minuti in media negli Usa). Questo perché, allo stato attuale, molte aziende, preoccupate per la riduzione della produttività dei dipendenti, vietano Facebook dalla postazione di lavoro.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

RIVOLUZIONE YOUTUBER

di Andrea Amato e Matteo Maffucci 14€ Acquista
Articolo Precedente

Facebook, nasce “say thanks”. Un nuovo strumento per “celebrare” le amicizie

next
Articolo Successivo

E-book, l’Europa conferma l’Iva al 22%. E taglia le gambe a un mercato

next