Facebook sta lavorando ad un nuovo social network dedicato alla carriera e al lavoro, che farà concorrenza a LinkedIn. I due account personale e professionale però resteranno ben separati, promettono dal quartiere generale di Londra dove stanno testando le nuove funzioni. Il nuovo sito web potrebbe consentire agli utenti di chattare con i colleghi, collegarsi ai propri contatti di lavoro e collaborare sui documenti proprio come si fa con Google Drive e Microsoft.

Facebook at work – L’esistenza di ‘Facebook at Work’ è stata riportata dal Financial Times in cui emergono anche alcuni primi dettagli. Alcuni ingegneri da Londra usano già una versione test di’Facebook at Work’ internamente. Sarà prima prevista l’estensione ad alcune società esterne, dopodiché potrebbe arrivare il lancio vero e proprio.

Il tema della privacy – Per diventare parte integrante della vita d’ufficio, Facebook dovrà conquistare però la fiducia di aziende e organizzazioni, che si aspettano di essere in grado di condurre conversazioni riservate senza cadere nelle mani dei concorrenti e soprattutto dei governi (vedi caso Snowden).

Più tempo sul sito, più introiti pubblicitari – Con questa mossa il social network potrebbe aumentare il tempo di permanenza sul sito (40 minuti in media negli Usa). Questo perché, allo stato attuale, molte aziende, preoccupate per la riduzione della produttività dei dipendenti, vietano Facebook dalla postazione di lavoro.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Facebook, nasce “say thanks”. Un nuovo strumento per “celebrare” le amicizie

prev
Articolo Successivo

E-book, l’Europa conferma l’Iva al 22%. E taglia le gambe a un mercato

next