La Procura di Roma ha aperto un fascicolo in relazione alla denuncia presentata da deputati del Movimento 5 Stelle sul presunto utilizzo improprio, da parte del ministro della difesa Roberta Pinotti, di un volo di Stato. Nel procedimento, al momento contro ignoti, si ipotizza il reato di peculato d’uso. Il ministro della Difesa, sostengono i Cinque Stelle, avrebbe usato un Falcon 50 dell’Aeronautica militare italiana per farsi accompagnare a casa a Genova, il 5 settembre scorso, approfittando di un volo di addestramento programmato dal 31° stormo dell’Aeronautica. Il fascicolo, in base a quanto si apprende da fonti giudiziarie, una volta istruito potrebbe essere trasmesso al tribunale dei Ministri.

Il 24 settembre Alessandro Di Battista e Luca Frusone avevano presentato un’interrogazione parlamentare sul caso. E Il Fatto Quotidiano aveva dato conto di quanto accaduto. I deputati non avevano avuto risposta ai quesiti, così il 13 novembre hanno presentato un esposto alla Corte dei Conti e alla magistratura ordinaria. Giovedì 14 l’Aeronautica, che dipende dal ministero della Difesa e quindi dalla Pinotti, ha risposto alle accuse facendo sapere “di aver già dato mandato di una denuncia-querela a carico di tutti i responsabili della diffusione di comunicazioni strumentalmente diffamatorie ed infondate, denigratorie delle Forze Armate e dei Vertici istituzionali delle stesse”. Il ministero della Difesa ha precisato che quello preso dal ministro “è stato un volo del tutto legittimo, come sarà puntualmente chiarito in ogni sede, compresa quella parlamentare”. Si tratta, per la Difesa, di “un volo addestrativo che non ha comportato alcun maggior onere ma, al contrario, ha determinato un risparmio per l’erario”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

De Benedetti: “Renzi? Un vero fuoriclasse: empatico come Fanfani, abile come Craxi”

prev
Articolo Successivo

Tor Sapienza, chi fa finta di non vedere

next