cuccaro-postNon è più il palestrato per le donne; la maggiorata non aizza più gli uomini: muscoli e tette se ne stanno andando in pensione. Tra i sogni erotici degli italiani non ci sono più uomini sudati o donne ben piazzate ma gli occhialini da prof, meglio se di Lettere. Insomma, è l’intellettuale, il trasudatore di cultura alla Leopardi a suscitare i turbamenti negli ormoni degli italiani. È quanto emerge da uno studio condotto da AshleyMadison.com, uno dei siti di incontri extraconiugali più seguiti, secondo cui il 79% delle mamme e il 67% dei papà italiani sognano una scappatella con i prof. dei pargoli. E, udite udite, il 22% lo farebbe addirittura con i professori di Religione.

Più miscredenti sono gli iscritti del sito di incontri made in Italy, Sexyguidaitalia.com, che ha chiesto a 10 mila dei suoi utenti quale fosse la fantasia ed il sogno erotico più ricorrente in assoluto. Ed ecco la classifica:

1. Fare sesso con due donne. Fin qui niente di nuovo all’orizzonte, quando saranno le donne a voler fare sesso con due uomini ne riparliamo.
2. Fare sesso in un luogo pubblico. Oltre al classico parco, in una spa, in ascensore c’è anche la bizzarra fantasia di farlo in macchina nell’autolavaggio in funzione. Lavatrice archiviata.
3. Fare sesso con una sottoposta/o al lavoro sotto la scrivania. Voglia di ribadire la propria superiorità?
4. Sesso con una trans. Ebbene sì. Le trans sono sempre più ambite dai nostri maschioni (possiamo ancora chiamarli così?).
5. Ci sono poi diverse pratiche non troppo conosciute, come il Pegging (essere penetrato da una donna), il Pissing (la cosiddetta pioggia dorata) e far avere, almeno una volta nella vita, lo Squirting (l’eiaculazione femminile) a una donna.

Mi sa che per molti uomini questa rimarrà una fantasia…

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Re Panettone 2014, per i maestri chef è già tempo di pensare al Natale

prev
Articolo Successivo

Scozia: alla scoperta di Edimburgo e le Highland

next