“Ogni anno si estraggono 5 milioni di tonnellate di rocce, di queste solo un terzo è blocco, il resto è detrito, e una grandissima parte di questo finisce nei torrenti”. Rosalba Lepore, attivista dell’associazione ‘Salviamo le Alpi Apuane‘, spiega così il fenomeno che a dire di molti provoca il rigonfiamento del Carrione, il fiume esondato pochi giorni fa a Carrara: ovvero il deposito sul fondale degli scarti della lavorazione del marmo. Lo fa dalla sala di rappresentanza del Comune, dove Denny Secci, ideatore della protesta che ha portato all’occupazione, denuncia le conseguenze del deposito di detriti: “Il letto del fiume Carrione si è innalzato di 4 metri”. Il sindaco di Carrara, Angelo Zubbani, replica: “Sul fenomeno oggi non c’è il Far West“. Poi però ammette: “Quanto incide oggi, va chiesto a chi sa più di me”. A proposito delle sue dimissioni, invece, rispedisce al mittente le richieste: “Lo farò quando non riuscirò a guardare negli occhi i cittadini. Oggi mi sento ancora di farlo” di Max Brod

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Lampedusa, il ciclone dimenticato

prev
Articolo Successivo

Maltempo, Galletti: “Mai più condoni edilizi. Sono un tentato omicidio”

next