“Chi sa parli, che si abbia il coraggio di assumersi le proprie responsabilità perché questo Stato non può sopportare una violenza impunita di questo tipo”. Con queste parole il presidente del Senato, Pietro Grasso, ha chiesto pubblicamente che “i rappresentanti delle istituzioni che sono certamente coinvolti in questo caso” rompano il silenzio e forniscano particolari su quanto accaduto nelle notti tra il fermo di Stefano Cucchi operato il 15 ottobre 2009 dai Carabinieri e la morte del geometra romano avvenuta nel reparto detentivo dell’ospedale Pertini di Roma il 22 ottobre. Per fare in modo che le parole del presidente del Senato non rimangano solo una frase a effetto in un momento di commozione, il Fatto Quotidiano lancia una raccolta firme rivolta a tutte le autorità che hanno avuto in custodia Stefano Cucchi nei suoi ultimi giorni di vita, estendendola a chiunque altro abbia informazioni utili a ricostruire quanto accaduto.

Promotore:
Il Fatto Quotidiano
Destinatari: 
Comando generale dell’Arma dei Carabinieri – Roma
Dipartimento dell’amministrazione penitenziaria (Ministero della Giustizia)
Direzione e personale sanitario dell’ospedale Pertini di Roma

Hanno aderito alla petizione
Dario Fo (Premio Nobel): ‘Ossequiosi con i potenti, brutali con i deboli. Una regola che indica il vuoto assoluto di giustizia’

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Scontro Procura Milano, caso Bruti Robledo di nuovo davanti al Csm

next
Articolo Successivo

Stefano Cucchi, ognuno di noi è Stato

next