Almeno 14 morti250 dispersi. Sono i cingalesi sepolti e intrappolati sotto la frana che ha colpito il centro dello Sri Lanka. Molte delle vittime sono braccianti, visto che la zona colpita è quella delle piantagioni di tè di Meeriyabedda, nei pressi della città di Haldummulla, a circa 200 chilometri a est della capitale Colombo. La colata di fango ha sepolto almeno 120 case di operai, oltre a tre complessi governativi. L’area è da anni soggetta a questo tipo di incidenti causati delle piogge monsoniche.

Un responsabile del Centro di gestione dei disastri (Dmc) ha detto che l’area interessata dalla frana è di circa due chilometri. Le operazioni di soccorso sono condotte con l’aiuto di polizia e esercito, che ha messo a disposizione 500 soldati. Martedì 28 ottobre le autorità avevano lanciato un’allerta nei distretti di Ella, Badulla e Bandarawela a causa delle forti piogge. Una condizione di maltempo che si prevede continuerà ancora per le prossime 24 ore.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Russia: ritorno all’Hotel President

prev
Articolo Successivo

Elezioni Brasile: viva Dilma, o meglio viva Lula

next