“La nostra mobilitazione continuerà con tante iniziative e anche con lo sciopero generale”. A margine del comizio che ha chiuso la manifestazione nazionale a Roma della Cgil contro il Jobs Act, il segretario generale Susanna Camusso insiste sulla linea della “continua protesta” in opposizione alla riforma del lavoro dell’esecutivo. E a Renzi che ha dichiarato di non avere paura della piazza, Camusso risponde: “A furia di non guardarsi intorno si rischia di sbattere contro il muro“. Sulle dichiarazioni del finanziere Davide Serra sul diritto di sciopero, il segretario Cgil risponde: “Perché Renzi non chiede ai finanzieri dove erano quando si è determinata la speculazione finanziaria?” di Annalisa Ausilio e Irene Buscemi

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Cgil a Roma, Camusso al termine del discorso canta e balla ‘Bella ciao’

next
Articolo Successivo

Cgil a Roma: cosa cambia dopo la grande piazza?

next