La guerra entra in casa di Damiano Rizzi il 9 luglio 2013, quando sua madre lo chiama per dirgli che sua sorella Tiziana è stata uccisa da suo marito. Lui di guerre ne ha viste tante perché è fondatore e presidente di Soleterre, organizzazione non governativa con cui ha fatto interventi umanitari in Kosovo, Costa D’Avorio, Centro AmericaUcraina e in molte altre aree del Mondo. Ora il racconto di quella “guerra privata” e delle altre “collettive” è racchiuso nel libro “La guerra a casa” pubblicato da Altreconomia. “Perché nessuna guerra è normale e perché nessuna donna deve morire per mano del proprio amore”, racconta l’autore. I diritti del volume saranno devoluti all’associazione “Tiziana vive” per prevenire e contrastare la violenza contro le donne e i bambini in Italia e in diverse aree del Pianeta. Ospiti di Silvia D’Onghia (Il Fatto Quotidiano), sono intervenuti l’autore Damiano RizziVauro (che ha disegnato il logo dell’Associazione), Laura Vassalli (Telefono Rosa) e l’autore-vignettista Vauro Senesi

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

L’Aquila, sequestrata zona dell’aeroporto degli sprechi: da scalo a discarica abusiva

prev
Articolo Successivo

Alluvione Genova, bonus ai dirigenti rinviati a giudizio per il disastro del 2011

next