Dal Sinodo sulla famiglia riunito a Roma sembra emergere una prudente apertura agli omosessuali, fino a ieri considerati alla stregua di malati, oltre che ai divorziati e conviventi, a tutt’oggi esclusi dall’Eucarestia. In tal senso almeno è stato interpretato dai media il testo di un primo documento ufficiale reso pubblico dopo la discussione collegiale. “Ma è presto per dire che la Chiesa ha mutato opinione, occorre distinguere fra quel che scrivono i giornali e quel che hanno davvero detto i vescovi”, avvertono l’ex vescovo di Pompei e una giornalista di Radio Vaticana, incontrati entrambi durante il vox a San Pietro. Ma tanti altri, tra i cittadini che abbiamo interpellato, si fidano dello spirito innovatore di Papa Francesco e confidano che questa sia la “volta buona per un grande cambiamento”, per esempio in tema di assenso alle unioni civili. Altri ne dubitano. Altri ancora sostengono l‘ala più conservatrice della gerarchia ecclesiale, perché “siamo di fronte a una generale crisi dei valori che né la Chiesa né la legge devono legittimare”. E voi quale impressione avete? è davvero svolta nella Chiesa? dite la vostra nei commenti e votando la risposta che vi convince di più  di Piero Ricca, riprese Ricky Farina

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Usa, nozze gay: dall’Alaska alla Virginia aumentano gli Stati in cui è caduto il tabu

prev
Articolo Successivo

Coniugi gay si registrano a Roma, Marino: “Disobbedienza? E’ intelligenza civile”

next