Un gruppo nutrito di manifestanti curdi ha fatto irruzione oggi al Parlamento europeo per chiedere aiuto e solidarietà nei confronti dei loro concittadini sotto attacco da parte dell’Isis in Medio Oriente. Qualche decina di attivisti è poi entrata nel palazzo occupandolo. La polizia e il servizio di sicurezza sono subito intervenuti. Intanto fuori l’Aula è continuata la protesta dei curdi che all’Ue chiedono armi e munizioni per combattere l’esercito del califfo nero. “Siamo pronti a morire ovunque per il Kurdistan – avverte un manifestante – Qui, a Kobane, in Iraq e in Iran”  di Alessio Pisanò 

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Isis, proteste in tutta europa in favore dei curdi: “L’Ue faccia qualcosa per Kobane”

next
Articolo Successivo

L’Isis prende casa in Turchia

next