Una cinquantina di manifestanti curdi hanno cercato di sfondare l’ingresso principale della Camera dei deputati a Roma. I commessi hanno immediatamente bloccato le porte mentre le forze dell’ordine accorse in tutta fretta, hanno respinto i manifestanti che sventolano bandiere inneggianti alla resistenza della città siriana di Kobane, assediata dall’Isis, gridando slogan contro l’Isis, ma anche contro il premier turco Erdogan. Momenti di tensione quando i manifestanti sono stati allontanati dalla prossimità del portone di Montecitorio. La polizia – accorsa in ritardo – in assetto antisommossa, ha “limitato” il raggio d’azione dei manifestanti che prima sono stati accerchiati vicino all’obelisco di piazza Montecitorio e dopo alcuni minuti, sono stati accompagnati dietro le transenne della Piazza  di Manolo Lanaro

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Ivrea, trovato cadavere di donna tagliato in due. Era scomparsa da 3 mesi

prev
Articolo Successivo

Napoli, rilasciato attivista che ha scavalcato muro Reggia: “La Bce è colpevole della crisi”

next