Una cinquantina di manifestanti curdi hanno cercato di sfondare l’ingresso principale della Camera dei deputati a Roma. I commessi hanno immediatamente bloccato le porte mentre le forze dell’ordine accorse in tutta fretta, hanno respinto i manifestanti che sventolano bandiere inneggianti alla resistenza della città siriana di Kobane, assediata dall’Isis, gridando slogan contro l’Isis, ma anche contro il premier turco Erdogan. Momenti di tensione quando i manifestanti sono stati allontanati dalla prossimità del portone di Montecitorio. La polizia – accorsa in ritardo – in assetto antisommossa, ha “limitato” il raggio d’azione dei manifestanti che prima sono stati accerchiati vicino all’obelisco di piazza Montecitorio e dopo alcuni minuti, sono stati accompagnati dietro le transenne della Piazza  di Manolo Lanaro

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ivrea, trovato cadavere di donna tagliato in due. Era scomparsa da 3 mesi

next
Articolo Successivo

Napoli, rilasciato attivista che ha scavalcato muro Reggia: “La Bce è colpevole della crisi”

next