Una bambina di tre anni è morta dopo essere stata azzannata dal suo cane, un pastore tedesco. È accaduto mercoledì 24 settembre a Fiano Romano, in provincia di Roma, nel cortile di un’abitazione privata. La bimba è stata morsa al collo, sulle braccia e sulla testa. È stata poi portata in gravissime condizioni al policlinico Sant’Andrea dove è arrivata in arresto cardiocircolatorio. Ricoverata in prognosi riservata, è deceduta nella notte. 

Secondo le prime ricostruzioni, mercoledì intorno alle 19.30 la bambina era in casa con il papà, un operatore ecologico di 46 anni. L’uomo stava portando il pasto al cane insieme alla figlia che, approfittando di un attimo di distrazione del genitore, si è avvicinata al recinto dove si trovava il pastore tedesco, regolarmente tenuto nel rispetto delle nome attuali. Il cane l’ha morsa sul collo, rompendole la trachea, sulle braccia e sulla testa. Il cane, un pastore tedesco di una decina d’anni, è stato affidato al servizio sanitario dell’Asl, e della sua sorte deciderà la Procura. I parenti della bimba non escludono che venga abbattuto.

“È destino, il Signore ha voluto così”. È quanto avrebbe detto il papà della bambina a uno zio che giovedì mattina è andato nella villetta di Fiano Romano dove è avvenuta la tragedia. “I genitori sono disperati – racconta lo zio Vincenzo – la bimba era figlia unica. Mio nipote, che lavora come operatore ecologico, ha più di quarant’anni e si è sposato tardi con una straniera. La bambina era amatissima da tutti”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Concordia, De Falco trasferito in un ufficio: “Noi tenuti ai margini, potrei lasciare”

prev
Articolo Successivo

Pedofilia, Papa Francesco rimuove vescovo Paraguay: “Avrebbe coperto abusi”

next