“Se le secchiate d’acqua gelata servissero realmente a raccogliere i fondi per la ricerca, sarebbe una cosa positiva. Il problema è che dei pochi soldi raccolti non se ne conosce la destinazione e i vip lo stanno facendo solo per la notorietà“. A parlare è Alida Fiorani, moglie di Stefano Leoni, 56enne romano, affetto da sei anni affetto dalla Sla (sclerosi laterale amiotrofica) che – difronte al fenomeno dell’Ice bucket challenge – dai microfoni de ilfattoquotidiano.it lancia un appello al presidente del Consiglio. “Caro Matteo e cara ministra Lorenzin – scrive Stefano nella lettera che sua moglie legge per lui –  invece di rovesciarvi secchiate d’acqua, datevi una mossa per affrontare i problemi che noi disabili affrontiamo quotidianamente. Io e mia moglie siamo stanchi di combattere contro burocrazia e disservizi“. “Dopo la tracheotomia – spiega la signora Fiorani – siamo passati da 2 a 6 ore di assistenza al giorno, ma è comunque insufficiente perché mio marito ha bisogno di cure 24 ore al giorno. E’ una battaglia quotidiana per ottenere tutto: dai macchinari al sussidio regionale (pari a 650 euro al mese) che non viene neanche accreditato regolarmente“. Quello che i coniugi Leoni cercano è “comprensione” da parte delle istituzioni. “A volte – ammettono – ci siamo sentiti in colpa per avere in famiglia un malato di Sla, è un calvario continuo”   di Annalisa Ausilio

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Assistenza ai malati di Sla nel Lazio, in Regione i centri accreditati sono solo due

prev
Articolo Successivo

“Tiziano Renzi? Si è prestato a un gioco che mi è costato 200mila euro”

next