“Sono venuto a fare un giro a Edimburgo per osservare questa lezione di democrazia”. Così il segretario della Lega Nord Matteo Salvini, in Scozia per osservare le consultazioni che potrebbero sancire, dopo 307 anni, l’indipendenza da Londra. Quando gli si fanno notare le tante differenze fra la Yes Campaing scozzese, fieramente schierata a sinistra, e il suo partito, alleato con Marine Le Pen a Bruxelles e in ottimi rapporti con CasaPound a Roma, il capo del Carroccio non si scompone: “L’amore per la propria terra non è né di destra né di sinistra. Gli indipendentismi europei sono molto diversi fra loro, ci passa dagli ecologisti ai conservatori”. E rilancia: “Come lo Scottish national party, anche io sono per un territorio indipendente dagli Usa e dalla Nato e per la difesa dell’ambiente”  di Lorenzo Galeazzi

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Medio Oriente, Obama conosceva i piani dell’Isis già nel 2010

next
Articolo Successivo

Ebola, Onu adotta risoluzione: “È una minaccia per la pace e la sicurezza”

next