È Clarissa Marchese Miss Italia 2014. La numero 23, miss Lotto Sicilia, 20 anni è stata proclamata reginetta della finale di domenica sera. Seconda classificata la veneta Sara Nervo, terza invece Giulia Salemi, dell’Emilia Romagna. Alta 1,78, occhi e capelli castani, Clarissa è nata a Sciacca (Agrigento) e ha residenza a Ribera. Il papà di Clarissa, Giuseppe (Pippo), ha una pizzeria ed è amato da tutto il paese. La mamma, Marisa, è americana di origini siciliane. Clarissa sperava di vincere il titolo anche per lei, la sua più grande fan. La miss ha fatto danza per dieci anni ed ora pratica la corsa. Tra gli interessi della ragazza, Fiorello è l’artista che meferisce, e “Meraviglioso” di Modugno la colonna sonora della sua vita. Diplomata al liceo scientifico con il massimo dei voti, è iscritta alla facoltà di Logopedia a Parma, un percorso di studi che la porterà a lavorare principalmente con i bambini, la sua aspirazione. La ragazza è stata incoronata a Jesolo, al termine della serata finale della 75esima edizione del concorso di bellezza ideato nel 1946 da Enzo Mirigliani, e quest’anno andata in onda su La7, con la conduzione di Simona Ventura.

“Ringrazio tutti. È stato un percorso lungo ma bello e pieno di emozioni”. Queste le prime parole della nuova reginetta nazionale che domencia notte è stata la più votata dagli italiani, aggiudicandosi il primo posto sul podio. “Comunque fosse andata, sarebbe stato un successo. Ma sono felice innanzi tutto perché so di aver reso felici altre persone”, ha commentato a caldo la Miss numero uno in un’intervista pubblicata dal sito ufficiale del concorso di bellezza. “Sarà un anno difficile e pieno di impegni”, ha detto Clarissa che ha anche promesso: “Continuerò gli studi e porterò il nome dell’Italia in alto nel mondo”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Sla: Luciano, ‘camminatore di domande’ contro la malattia

next
Articolo Successivo

Droga, relazione al Parlamento: “Aumenta il consumo della cannabis. Cala la cocaina”

next