Quattromila euro circa a Stefano Bonaccini. Cinquemila e cinquecento a Matteo Richetti. Sono queste le cifre che la Procura di Bologna contesta per l’inchiesta “spese pazze” in Regione al responsabile Enti locali e al deputato del Partito democratico. I rimborsi “sospetti” riguardano diciannove mesi di mandato nel consiglio regionale dell’Emilia Romagna: cene, pranzi e rimborsi chilometrici che secondo i pm non sarebbero consoni con l’attività politica. Tra le spese contestate a Richetti ci sarebbero anche due notti in albergo a Riva del Garda, circa 500 euro in tutto, in due distinte occasioni.

Le indagini sono quasi giunte al termine e nelle scorse ore era è trapelata la notizia del coinvolgimento dei due candidati alla corsa per le primarie del centrosinistra. Il parlamentare solo ieri mattina aveva fatto un passo indietro, anche se in quel caso i motivi erano essenzialmente politici: pressioni da Roma e uno scontro all’ultimo voto con un altro renziano doc. Bonaccini invece, nonostante le voci di indecisioni e tentennamenti, ribadisce l’intenzione di continuare la campagna elettoralePer questo nel pomeriggio, il segretario Regionale si è presentato in Procura a Bologna ed ha chiesto di essere sentito dai pm. Richetti invece, con il suo legale Gino Bottiglioni, valuterà nei prossimi giorni se farsi interrogare.

Video di David Marceddu

“Si tratta di spese abbastanza modeste”, ha spiegato invece l’avvocato di Bonaccini ai cronisti, “parliamo di qualcosa come 200 euro al mese. Durante il colloquio sono state date tutte le spiegazioni e credo siano risultate pienamente convincenti”. Il responsabile Enti locali della segreteria nazionale Pd ha ribadito l’intenzione di correre alle primarie: “Ero sereno prima”, ha commentato uscendo dalla Procura, “e sono ancora più sereno adesso. Perché penso che abbiamo potuto dare spiegazioni per qualsiasi eventuale addebito”. E ha poi aggiunto di essere “determinato a proseguire perché so come mi sono sempre comportato in questi anni”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Regionali, Balzani: “Pd celebra condannati e prende a calci chi rispetta regole”

prev
Articolo Successivo

Il Pd resuscita la ‘giustizia ad orologeria’ di Berlusconi?

next