Aula della Facoltà Teologica di Sicilia “San Giovanni Evangelista” gremita di studenti laici, prossimi preti, diaconi e seminaristi.

Domanda secca della buonanima del Prof. Salvatore Privitera: “Se in un pronto soccorso arrivano due persone incidentate, che hanno bisogno di essere operate per salvar loro la vita, una di 90 anni e una di 18 anni, e vi è solo una sala operatoria disponibile, chi operiamo prima?”. Tutti all’unisono rispondono: “Quella di 18 anni”. Risposta errata: forse una persona a 90 anni ha perso il suo valore o il suo diritto a vivere? Il nostro compito è cercare di dotare il pronto soccorso di più sale operatorie…

Un ente a partecipazione regionale, la Seus che gestisce il 118, che ha assunto circa 3400 persone e, dopo anni, ha scoperto che circa 340 devono essere licenziate perché hanno commesso dei reati e sono quindi incompatibili con un impiego presso una pubblica amministrazione.

Conosco molte di queste persone, che hanno commesso alcuni reati, hanno scontato la loro pena e quindi sono stati “riabilitati”: che ne facciamo di loro? Cosa devono fare per vivere e mantenere le loro famiglie? Il presidente della Regione Siciliana, Rosario Crocetta, e l’Assessore Borsellino, hanno detto: “Lex, Dura lex…Questa legge serve a tutelare le persone che non hanno commesso reati…Questi 340 lavoratori, per ottenere quel posto hanno fatto false autocertificazioni sui loro precedenti penali e quindi vanno licenziati…”.

Dobbiamo tutelare chi non ha mai commesso reati o chi li ha commessi e ha scontato la sua pena nelle patrie galere?

Credo che, come quegli studenti della Facoltà Teologica di Sicilia, il governo abbia dato la risposta errata; credo che la politica debba essere in grado di dare risposta agli uni e agli altri.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Il mini-lavoro rende liberi

next
Articolo Successivo

Expo “Zero Glutine” 2014, parte a Chieti il primo evento dedicato alla celiachia al Sud

next