Una striscia quotidiana di informazione e approfondimento che precederà il Tg di Mentana (La7) e un talk politico in prima serata. Con “diciannovEquaranta” e “Di Martedì” Giovanni Floris è pronto a inaugurare la sua stagione a La7. “Giannini? Passare il testimone a un giornalista così autorevole per Rai3 mi inorgoglisce – dichiara l’ex conduttore di Ballarò -, vuol dire che in questi anni siamo riusciti a costruire una trasmissione importante”. Nel corso della presentazione dei programmi presso gli Studios di via Tiburtina, smorza le polemiche sul suo compenso economico in Rai. “E’ un mondo fatto così, queste cose non bisogna ascoltarle e basta. Lasciare la Rai – continua – è stata una scelta sofferta, ma in questo canale ho trovato tanta disponibilità e la convinzione di far parte di un progetto importante”. Da martedì 16 settembre si confronterà con l’esordio di Giannini su Rai3: “Il nostro obiettivo è chiaro – scandisce Floris – portare su La7 il pubblico che ha seguito Ballarò in tutti questi anni”  di Annalisa Ausilio

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Il giornalismo militante di Massimo Giannini

next
Articolo Successivo

Renzi e i giornalisti: dalla luna di miele al divorzio lampo

next