Dalla Striscia di Gaza continuano a partire razzi lanciati da Hamas, mentre sono 7 le vittime palestinesi provocate oggi dai raid israeliani. Da mezzanotte di sabato l’esercito israeliano ha compiuto circa 20 attacchi aerei. Lo riferisce l’esercito israeliano. Fonti mediche e della polizia di Gaza aggiungono che nei raid sono morte fra 7 e 10 persone, tra cui un bambino di 18 mesi e un ragazzino di 17 anni. Il portavoce del ministero della Salute di Gaza, Ashraf al-Kidra, riferisce di sette morti: due persone sono rimaste uccise in due raid aerei avvenuti oggi vicino a una strada costiera, uno dei quali ha raggiunto un gruppo di persone che uscivano da una moschea dopo le preghiere del mattino; altre due persone sono morte quando è stata presa di mira una moto che seguiva un’auto con a bordo i feriti di un raid; inoltre un uomo è morto in un attacco aereo che ha colpito la sua auto; infine il bambino di 18 mesi e il ragazzino di 17 anni sono deceduti in un raid in un condominio a Gaza City. La polizia riporta anche la notizia di tre morti in un raid aereo su una casa a Deir el-Balah, città nel centro della Striscia; non è chiaro però se le vittime di cui parla la polizia coincidano con qualcuna di quelle indicate da al-Kidra.

Missile israeliano su una casa: 5 morti, 3 sono bambini
Cinque palestinesi sono stati uccisi quando un razzo sparato da un velivolo israeliano ha colpito una casa a Beit Lahya, a nord di Gaza. Fonti locali aggiungono che fra le vittime ci sono una madre con i suoi tre figli che, almeno secondo una testimonianza, si trovavano per strada nelle immediate vicinanze.  

Pioggia di razzi su Israele, tre feriti a Erez
Per parte palestinese, invece, u
n missile lanciato dalla Striscia è esploso in una zona isolata nei dintorni di Tel Aviv senza provocare vittime, secondo quanto riporta un portavoce militare israeliano. Il gruppo islamico ha rivendicato l’attacco e ha affermato di avere indirizzato il razzo verso l’aeroporto internazionale Ben Gurion. Inoltre, Radio Gerusalemme riferisce che colpi di mortaio e razzi sparati da Gaza sono esplosi al valico di Erez, principale punto di transito fra Israele e la Striscia. La notizia è stata confermata anche dall’esercito israeliano, che riferisce che tre israeliani sono stati feriti. Negli ultimi giorni, ricorda la radio, le forze di Hamas hanno sparato senza tregua verso i villaggi vicini alla Striscia, nel tentativo di costringere gli abitanti ad abbandonarli.

Netanyahu: “Le operazioni proseguono”
Intanto da Tel Aviv, il presidente israeliano Benyamin Netanyahu ha fatto sapere che l’offensiva sulla Striscia proseguirà: “Ci stiamo organizzando nell’eventualità che essa prosegua anche dopo l’inizio dell’anno scolastico”, ossia dopo il primo settembre. Hamas è come l’Isis – il gruppo jihadista attivo in Siria e in Iraq, è quanto ha ribadito ancora una volta Netanyahu – Sono due rami dello stesso albero velenoso”. Secondo il premier, questa convinzione comincerebbe a far breccia anche in alcuni Paesi della regione e occidentali: “Entrambi i gruppi mirano a un Califfato e negano i diritti umani”. Da Israele riprendono anche gli avvertimenti alla popolazione palestinese“Gli abitanti di Gaza devono lasciare immediatamente tutti i siti da dove Hamas conduce le sue operazioni” ha dichiarato inoltre Netanyahu perché rischiano di essere colpiti. “Non ci può essere alcuna immunità verso chi spara contro di noi – ha aggiunto il presidente – e ciò vale per tutti i fronti”, il riferimento è rivolto anche a Libano e Siria, da dove nelle ultime ore sono stati sparati razzi verso Israele, ha lasciato intendere Netanyahu.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Rio de Janeiro: stupri ed esecuzioni grazie all’impunità. Così agisce la polizia

next
Articolo Successivo

Isis, l’internazionale del sadismo

next