Furto e danni nella sede del banco alimentare della Misericordia Onlus di San Giovanni Rotondo, in provincia di Foggia. Nella notte tra sabato e domenica 17 agosto alcune persone si sono introdotte nei locali adibiti a magazzino rubando cibo (tonno, carne in scatola, pasta, caffè, zucchero, marmellate e olio) e un computer nel quale erano i contenuti i dati contabili dell’associazione. Non contenti, hanno distrutto i locali. Hanno divelto le porte dai muri, rotto gli infissi e hanno danneggiato i servizi igenici. Il bilancio dei danni è di circa 2mila euro per i generi alimentari rubati e circa 8mila euro per gli atti vandalici. La fame, se di questa si tratta, non ha risparmiato neanche la città di Padre Pio e l’associazione che si occupa di aiutare le persone in difficoltà, anche economiche.

La notizia è stata diffusa dal sito di informazione sangiovannirotondo.net che ha riportato l’indignazione dei responsabili della Misericordia: “La povertà è una cosa, la violenza è un altra – ha commentato il vice presidente e legale rappresentante dell’associazione Lazzaro Andrea Savino – La nostra intimità della vita associativa è stata violata da vandali senza scrupoli, è una parte di noi che ci è stata sottratta”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Calabria, ho subito un’intimidazione ma il mio Comune tace

prev
Articolo Successivo

Iraq, Papa Francesco: “Lecito fermare l’aggressore, ma non bombardando”

next