Crolla il prodotto interno del Giappone. Nel secondo trimestre dell’anno il Pil di Tokyo ha segnato un tonfo dell’1,7% rispetto ai tre mesi precedenti e del 6,8% rispetto allo stesso periodo del 2013. Dati vicinissimi a quelli (rispettivamente -1,8 e -6,9%) registrati subito dopo il terremoto e lo tsunami del marzo 2011. Stavolta però le calamità naturali non c’entrano: a frenare l’economia del Paese è stato il rialzo dell’Iva dal 5% all’8%, che ha determinato una frenata dei consumi del 5%. L’aumento dell’imposta sul valore aggiunto, scattato ad aprile, è il primo in 17 anni. I mercati, comunque, avevano già messo in conto un contraccolpo forte e hanno incassato la notizia senza scossoni: la Borsa di Tokyo ha chiuso in progresso dello 0,35%. I dati hanno però alimentato la pressione sul governo del premier Shinzo Abe e sulla Bank of Japan per il via libera a misure addizionali di sostegno all’economia. Il ministro delle Politiche economiche e fiscali Akira Amari si è detto ottimista sull’andamento futuro del Pil, peraltro cresciuto dell’1,5% nel primo trimestre, e ha escluso per ora nuovi stimoli, garantendo però “misure rapide” se e quando sarà necessario.

Nei piani dell’esecutivo l’Iva dovrebbe salire ulteriormente, arrivando al 10% nell’ottobre del 2015, ma la decisione finale sarà presa entro fine anno. Abe, ha detto Amari, valuterà l’andamento del Pil del periodo luglio-settembre e altri indicatori. Governo e banca centrale si aspettano una crescita lieve della domanda esterna, ma la debolezza dell’export giapponese (-0,4% nel secondo trimestre) potrebbe complicare il percorso di crescita innescato dalle misure della cosiddetta “Abenomics”, un mix di politica monetaria espansiva, incentivi fiscali e riforme strutturali. Secondo uno studio curato dal Japan center for economic research e basato sulle valutazioni di 42 economisti, il Pil dovrebbe rimbalzare del 4,08% anno su anno nel periodo luglio-settembre, ma sul lungo periodo le stime sono meno rosee. Molti analisti valutano poco realistico l’obiettivo di crescita all’1% della Bank of Japan per l’anno in corso. Più vicina, invece, appare l’uscita dalla deflazione: il deflatore del Pil si è attestato nel periodo aprile-giugno al 2%, per la prima volta in rialzo dopo 19 trimestri. 

Il Fatto Economico - Una selezione dei migliori articoli del Financial Times tradotti in italiano insieme al nostro inserto economico.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Debito pubblico, a giugno nuovo record: sale di due miliardi, a quota 2.168

next
Articolo Successivo

Debito famiglie, Cgia: “Media di 19.200 euro a nucleo. Soprattutto per case e auto”

next