Sugli edifici di Mosul con una bomboletta spray è segnata una mezzaluna sormontata da una stella, ovvero la lettera araba “nun”, l’iniziale di Nassarah, la parola araba per indicare i “cristiani”. È da un mese che lo Stato Islamico sta portando avanti la sua persecuzione contro le minoranze religiose del nord dell’Iraq. Per le milizie dell’autoproclamatosi califfo al-Baghdadi per i cristiani non c’è posto. Hanno segnato le loro caseGli hanno tolto le scorte di cibo e d’acqua. Poi, l’ultimatum dei militanti del Califfo: tutti i cristiani si devono convertire all’Islam, o dovranno lasciare Mosul. Qualche settimana dopo l’inizio della fuga dei cristiani, un’altra proposta: “Se volete tornare,  arruolate i vostri figli nelle milizia jihadiste o pagateci la tassa della sharia per i non musulmani“, ovvero 450 dollari l’anno. Risultato immediato, tutti i cristiani hanno abbandonato la città irachena di Mosul e gran parte delle zone settentrionali nelle mani dello Stato islamico, scegliendo di fuggire nella vicina regione curda o in altre zone protette. 

Il Fatto Internazionale - Le notizie internazionali dalle principali capitali e il dossier di Mediapart

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Iraq e Siria: difendiamo la libertà dell’Oriente

next
Articolo Successivo

Gaza, l’Aja aprirà mai un’indagine sui crimini di guerra?

next