Tim e Vodafone finiscono nel mirino dell’Antitrust, che ha avviato un’istruttoria per accertare “il carattere scorretto” delle condotte con cui sono state modificate le condizioni di fornitura di alcuni servizi accessori. Le verifiche del garante per la concorrenza saranno effettuate su “Chiamami” e “Recall” di Vodafone e “Losai” e “Chiamaora” di Tim, che le due società hanno reso a pagamento.

Le aziende potrebbero aver violato le disposizioni del Codice del consumo ove l’adesione all’offerta dei servizi a pagamento, in sede di variazione delle condizioni di fruizione degli stessi o di sottoscrizione di nuovi contratti, dovesse risultare basata su meccanismi che non prevedono un consenso espresso del consumatore. Tali condotte potrebbero dare luogo anche a forniture non richieste. Inoltre, il messaggio inviato da Vodafone ai consumatori potrebbe presentare profili di ingannevolezza in merito ai reali costi del servizio. 

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Zucchi, 11 milioni di rosso. Kpmg non certifica il bilancio dell’azienda di Buffon

next
Articolo Successivo

Alitalia, dopo la pax sindacale, via libera degli azionisti all’intesa con Etihad

next