Precarietà come percorso di vita. E’ il tratto comune dei partecipanti al test Tfa, tirocinio formativo attivo, che consente di abilitarsi all’insegnamento. I candidati in tutta Italia sono 147 mila, i posti disponibili 29 mila. “Le aspettative sono poche, le risorse nel settore della ricerca non ci sono e io provo questa strada” racconta una candidata, laureata in fisica. C’è chi, invece, insegna da 20 anni all’università, ma di stabilità neanche a parlarne. “Ho insegnato in università diverse, in quattro paesi diversi, ma in Italia non ho trovato nulla di fisso”. Il Fattoquotidiano.it ha raccolto le opinioni dei partecipanti che hanno sostenuto il test all’università di Roma Tor Vergata. Nelle classi di storia dell’arte e matematica e fisica erano iscritti 300 candidati, ma in 180 hanno sostenuto la prova, molti scoraggiati dai pochi pochi posti disponibili. “Sono precaria da 13 anni, siamo in un limbo, a 45 anni facciamo ancora i test” di Nello Trocchia

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Alitalia, Lupi contro i sindacati: “Solo un marziano capirebbe le loro divisioni”

next
Articolo Successivo

Eni, sciopero contro chiusura raffineria. Ventimila in corteo anche il vescovo

next